Affrontiamo un argomento molto importante per le nuove attività di pizzeria artigianale: la SCIA.

In questo articolo fornisco importanti nozioni sulla presentazione della Segnalazione Certificata di Inizio Attività.

 

Cos’è la SCIA?

La legge n. 122/’10 ha introdotto la SCIA, che stabilisce la semplificazione delle procedure burocratiche per iniziare, modificare e cessare un’attività produttiva.

Questa legge stabilisce che ti basta depositare in Comune, in tre copie, attraverso lo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP), la tua autocertificazione di Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) per consentirti l’immediato avvio dell’attività produttiva.

Con la presentazione della SCIA non devi attendere le verifiche preliminari dei requisiti da parte dell’ASL e non ti serve essere iscritto a qualche registro abilitante SAB (ex REC).

La SCIA prevede che la pizzeria artigiana non sia sottoposta a norme di programmazione o contingentamento comunale.

La tua Segnalazione Certificata di Inizio Attività consegnata al Comune, viene subito trasmessa all’ASL, che provvede a registrarla e protocollarla e a comunicarti la registrazione.

Oltre alla semplificazione dell’iter burocratico, la SCIA assicura una maggior trasparenza e una certezza di uniformità di trattamento.

 

Cosa dichiarare nella SCIA?

E’ necessario descrivere il processo produttivo di quel che fai nella tua attività, cioè comunicare: quali materie prime, quali macchine ti serviranno per trasformarli in prodotti finiti vendibili al cliente, attestando che la tua impresa ha i requisiti richiesti dalle norme.

La mancanza dei requisiti comporta da parte dell’ASL l’assunzione di provvedimenti di legge, compresa l’eventuale sospensione dell’attività, ma non la chiusura.

 

Chi compila la SCIA?

La pratica della SCIA la puoi compilare tu (non è difficile) e va inviata con Posta Elettronica Certificata (PEC) allo Sportello Unico del Comune.

Altrimenti, puoi incaricare un Intermediario (commercialista, Associazione Artigiani o progettista Geometra, Architetto, Ingegnere).

Sappi che la tua Autodichiarazione sostituisce definitivamente le vecchie autorizzazioni comunali e le vecchie licenze commerciali.

 

Attenzione a non confondersi

Se nel locale della pizzeria prevedi dei lavori di sistemazione, hai l’obbligo di far compilare ad un progettista la CILA (Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata) per consegnarla allo Sportello Unico.

Attenzione, la SCIA puoi compilarla tu, invece la CILA la prepara un libero professionista autorizzato (Geometra, Architetto o ingegnere).

 

I LOCALI DI ESERCIZIO

 

Ai fini della SCIA, ti descrivo i requisiti minimi per i Locali, nonchè alcune indicazioni di buona prassi igienica.

Anzitutto in pizzeria per l’esercizio dell’attività ti sono richiesti i seguenti locali:

  1. Laboratorio di Produzione con zona di lavaggio utensili/stoviglie,
  2. Deposito materie prime,
  3. Locale di Vendita,
  4. Spogliatoio addetti,
  5. Servizio igienico esclusivamente destinato agli addetti.

 

LABORATORIO DI PRODUZIONE

 

La disposizione del Laboratorio di Produzione e delle attrezzature deve consentire il lavoro secondo il principio della “marcia avanti“, cioè partendo dalla zona di ricezione merci sino all’uscita dei prodotti finiti.

Requisiti:

  • Altezza 2,70/3,00 metri;
  • Le pareti devono essere piastrellate o rivestite con materiale liscio, lavabile e disinfettabile sino a 2 metri di altezza e avere color chiaro;
  • Il pavimento deve essere lavabile e disinfettabile, ben connesso, privo di fessure e di color chiaro;
  • Porte e infissi devono avere superfici lisce di facile pulizia;
  • Le zanzariere devono essere installate sulle porte e finestre con aperture verso l’esterno;
  • Le porte dei bagni devono avere uno spingi porta a molla.

Dotazioni:

  • Lavello doppio con gocciolatoio per lavaggio alimenti e stoviglie, con acqua calda e fredda e con rubinetto a leva clinica o a pedale;
  • Pattumiere lavabili e con pedale;
  • Armadietto per riporre scope e scopettoni.
  • Tavoli di lavoro con cassetti , lisci, lavabili e disinfettabili;
  • Frigoriferi capienti con termometro a lettura esterna;
  • Contenitori per frigo degli alimenti conservati;
  • Contenitore per i sacchi di farina (madia/tramoggia);
  • Affettatrice;
  • Impastatrice;
  • Stendi-pizza (optional);
  • Tagliamozzarella-verdura (optional);
  • Forno dotato di cappa di aspirazione con condotto espulsione fumi e vapori di cottura sfociante sul colmo del tetto, nel caso di mancanza  di condotta fumi, forno elettrico con cappa a condensazione, con scarico di condensa in fogna o in serbatoio a terra.

 

AREA DI PREPARAZIONE PIZZA

 

Requisiti:

  • Altezza 2,40/3,00 metri;
  • Se la zona di preparazione è situata all’esterno del Laboratorio di Produzione, deve avere i seguenti requisiti e dotazioni: parete lavabile e disinfettabili sino a 2 metri, pavimenti con superficie unita e lavabile (niente mattonelle rotte).

Dotazioni:

  • Banco preparazione pizze dotato di protezione anti alito se situato in zona accessibile al pubblico;
  • Lavamani con acqua corrente calda e fredda e rubinetto non manuale.

 

DEPOSITO MERCE

 

Requisiti:

  • Altezza 2,70 metri;
  • Uso esclusivo all’esercizio;
  • Pareti intonacate;
  • Pavimento ben connesso;
  • Areato;
  • Rifornimento senza transitare dal laboratorio di produzione.

Dotazioni:

  • Scaffali di facile pulizia, fissati alle pareti, idonei a conservare gli alimenti sollevati da terra.

 

LOCALE DI VENDITA

 

Requisiti:

  • Altezza: 2,70 metri;
  • Superficie minima: 8 mq;
  • Deve avere accesso diretto dalla pubblica via o di uso pubblico.

 

SERVIZI IGIENICI

 

Requisiti:

  • Altezza 2,70 metri;
  • Superficie minima: 2,5 mq;
  • Sino a 3 addetti: n. 1 servizio igienico.
  • Da 3 a 10 addetti: servizi igienici distinti per sesso.

Dotazioni:

  • Riscaldamento;
  • Pareti rivestite di materiale lavabile sino a 2 metri di altezza;
  • Lavabo con acqua calda e fredda con rubinetto non manuale e distributore di sapone ed asciugamani mono-uso;
  • Antibagno con porta d’accesso a ritorno automatico.

 

SPOGLIATOIO

 

Requisiti:

  • Altezza: 2,70 metri;
  • Superficie: 1 mq per ogni addetto;
  • E’ preferibile che l’accesso allo spogliatoio avvenga senza dover transitare dal Laboratorio di Produzione;
  • E’ ammesso posizionare gli armadietti nell’antibagno del servizio igienico se è sufficientemente ampio da contenere tutti gli armadietti e ad uso esclusivo del personale.

Dotazioni:

  • Armadietto a doppio scomparto (sporco/pulito): n. 1 per ogni addetto.

 

PRODOTTI PER LA PULIZIA

 

Conservare in appositi armadi o in banchi chiusi i prodotti per la sanificazione e la pulizia onde evitare la contaminazione degli alimenti.

Le operazioni di pulizia devono essere evitate nel momento della preparazione dei cibi.

LISTA DEGLI INGREDIENTI

 

Gli alimenti prodotti in laboratorio, che non sono confezionati, devono essere presentati al pubblico, mediante avviso o quaderno consultabile come segue:

  • nome prodotto;
  • elenco ingredienti, da quello maggiore a quello minore impiegato;
  • natura dell’olio usato: olio d’oliva, olio di arachidi ecc.;
  • uso di alimenti surgelati all’origine della preparazione;
  • scadenza e modalità di conservazione.

 

AGIBILITA’ E IMPIANTI

 

I locali utilizzati dovranno essere agibili nelle forme di legge e tutti gli impianti (elettrico, termico, idraulico e condizionamento) devono essere certificati e rispondenti alle normative vigenti e progettati da professionisti.

 

 

Se vuoi che siano i professionisti della pizzeria ad aiutarti ad aprire il tuo locale visita la nostra pagina di Pizza Revolution ,  lasciaci i tuoi dati e ti invieremo ulteriori, preziose, informazioni.

 

Al tuo successo!