La CILA per la pizzeria ma non solo…

Oggi voglio parlarti della CILA per la pizzeria, piadineria, patatineria, bar dei tuoi sogni che stai pensando di aprire.

Di sicuro hai trovato un locale per la pizzeria, che ha bisogno di essere adeguato con interventi murari, elettrici e idraulici.

Se ti trovi in questa situazione leggi questo articolo, perchè è davvero utile…

 

Per procedere alla realizzazione di adeguamento e manutenzione dei locali è necessario dare l’incarico a delle imprese artigiane specializzate, presentando una Comunicazione di Inizio Lavori Asserverata (CILA) contenenti le modifiche interne al locale all’Ufficio Tecnico (Sportello Unico Edilizia) del Comune.

La CILA permette di iniziare immediatamente i lavori interni. Non occorre iniziare i lavori dopo 30 giorni dalla comunicazione, come accadeva prima. Questa è una utile novità in termini di semplificazione.

 

La CILA per la pizzeria: Opere soggette alla CILA

Questa comunicazione è lo strumento normativo riservato agli interventi interni di manutenzione straordinaria, come l’apertura di porte interne, lo spostamento di pareti e tutto ciò che non riguarda le parti strutturali dell’edificio.

La CILA va presentata prima degli inizi dei lavori con una relazione tecnica asseverata (accertata) da un tecnico abilitato.

I documenti da consegnare con la CILA sono:

  • comunicazione firmata dal proprietario e dal progettista;
  • relazione accertata a firma di un tecnico abilitato;
  • elaborati di progetto con lo stato di fatto e lo stato dopo i lavori;
  • dati dell’impresa e DURC (Documento Unico Regolarità Contributiva).

 

La CILA per la pizzeria: Relazione tecnica

Nella relazione il tecnico dichiara:

  • di non avere rapporti di dipendenza con l’impresa, né con il committente;
  • assevera la conformità dei lavori agli strumenti urbanistici approvati e ai regolamenti edilizi vigenti;
  • assevera che i lavori non prevedono il rilascio di un titolo abilitativo, secondo la normativa statale e regionale.

Tuttavia ci sono delle eccezioni, come accade nel comune di Roma, che non prevede la relazione tecnica allegata alla CILA.

La relazione tecnica, le asseverazioni e l’assenza del silenzio-assenso del Comune implicano una maggiore responsabilità civile e penale del tecnico che assume parte delle competenze che prima erano dell’ufficio tecnico del Comune.

 

La CILA per la pizzeria: Costi della CILA

La CILA non è un titolo abilitativo ed essendo solo una comunicazione, non prevede il pagamento di oneri concessori.

Molti comuni però applicano dei diritti di segreteria, che a volte raggiungono cifre importanti; per esempio a Roma, i diritti hanno un costo di circa 250 euro.

Oltre alle spese dei diritti bisogna prevedere la parcella del tecnico, che può variare seguendo le fluttuazioni del mercato libero.

 

La CILA per la pizzeria: Conformità catastale

Un locale che ha subito degli interventi di manutenzione straordinaria, senza che questi siano stati comunicati al proprio Comune e successivamente al Catasto, dovrà essere regolarizzata prima del rogito o si dovrà ripristinare lo stato originario dell’immobile. Attenzione si rischiano pesanti sanzioni.

 

Preciso che ogni comune può richiedere ulteriori documenti ed altre modalità di presentazione secondo il proprio regolamento edilizio vigente.

 

Al tuo successo!

Con Margot