Oggi affrontiamo uno dei temi più controversi: i Soci.

 

Stai pensando di aprire una pizzeria e probabilmente hai diverse preoccupazioni.

Con questo articolo voglio aiutarti a fare chiarezza per prendere la giusta decisione.

 

Il socio per la pizzeria: Il dilemma dei Soci

 

Quando parlo dei Soci, mi riferisco alle persone con le quali lavoreranno con te e che investiranno denaro nell’attività.

Anzitutto un dato. Gli imprenditori che sono alla prima esperienza, tendono ad avviare la loro attività con altri soci in una percentuale superiore rispetto a quelli con consolidata esperienza.

Come mai?

Questo succede perché di solito sono persone giovani o inesperte del settore e si sentono vulnerabili, pertanto per supplire a certe loro carenze si associano con altre persone.

Prima di metterti in società con qualcuno, rispondi alla seguente domanda:

“Perché lo faccio?”

Rispondi anche se hai già invitato alcune persone ad imbarcarsi nella tua impresa.

La ragione principale per cui l’imprenditore alle prime armi cerca dei soci è la paura:

  • di sbagliare,
  • di essere solo,
  • di non riuscire a fare tutte le cose,
  • che le cose vadano male,
  • della decisione di mettersi in proprio.

Quindi gli imprenditori novizi cercano soci a causa della paura.

Chiediti se è davvero indispensabile fare entrare dei soci nel tuo affare.

 

Il socio per la pizzeria: Soci improvvisati

 

Alcuni invitano altri a diventare i loro soci, solo per amicizia o perché hanno ricevuto qualche spunto interessante e si sentono in obbligo a ricambiare.

C’è gente che invita ad entrare nell’affare persone, che stanno cercando solo occasioni per guadagnare più di quanto stiano guadagnando ora, e sono senza alcun interesse per l’impresa.

La verità è che nella fase d’avvio di un’attività, si pensa che qualunque contributo possa essere una risorsa produttiva da aggiungere al progetto.

Molto tempo fa, la stessa cosa accadde a me, quando invitai ad associarsi nel mio affare un vecchio compagno di scuola che mi aveva colpito vederlo senza una seria occupazione.

Con amarezza scopersi che il mio socio si era morbosamente appassionato alla caccia di anatre selvatiche.

Anziché venire al lavoro, preferiva andare al mattino a caccia sulle acque del Po.

Furono inutili i miei richiami all’ordine e la nostra partnership durò pochi mesi.

Non potevo tollerare le nostre differenze comportamentali.

Il socio per la pizzeria: La risorsa più costosa

 

Il socio per la pizzeria è in realtà la risorsa più costosa che esista.

Il socio è la più cara di tutte le risorse, perché è remunerato con i frutti che la tua pizzeria è in grado di dare.

RIFLETTI: se hai un socio i tuoi guadagni sono ridotti del 50 %, se hai due soci i tuoi guadagni precipitano al 33 %.

Inoltre, può accadere che il socio si metta di traverso alle tue decisioni e possa condizionare la tua attività.

E allora, se stavi pensando di:

  • avere un socio perché ti serve denaro, parlane con una banca;
  • avere un socio perché da solo non ce la fai a far tutto o non hai competenze, assumi un dipendente;
  • avere un socio perché hai paura, fai dello sport di resistenza fisica.

Quindi, se tu hai lo slancio, l’energia e l’audacia di creare e mantenere in piedi una pizzeria rifletti prima di decidere di condividerla con qualcuno.

Non si tratta di egoismo, ma piuttosto di una valutazione che anticipa una situazione futura quando potresti pentirti di una paura vissuta molti anni prima.

Tutto questo solo perché non avevi ancora scoperto quel che sei capace di fare.

Parla con imprenditori di lunga data.

Quando hai un confronto diretto con chi ha già intrapreso questo percorso imprenditoriale, ti rendi conto che è quanto un socio può apportare alla tua idea dal punto di vista psicologico.

 

Vuoi avere tutta l’assistenza di cui necessiti dai professionisti della pizzeria?

Affidati agli esperti di Margot.

Vai sul nostro sito www.margot.it e lasciaci i tuoi dati, ti invieremo altre utilissime informazioni per realizzare il tuo progetto!!!

 

 

Al tuo successo!